GLI OCCHIALI DI PAUL EASTERLIN

giugno 30, 2016
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Un linguaggio contemporaneo, immediato. Un addensarsi di stimoli presi a prestito dall’arte con la straordinaria capacità di creare innovazione per mezzo della contaminazione.

Da più di 20 anni attivo nell’industria della moda, come designer di calzature principalmente, Paul Easterlin ha dato vita poco più di un anno fa all’omonima linea di occhiali che tanto successo sta riscuotendo anche i tra personaggi del mondo dello spettacolo e gli artisti.

Viaggio tanto e nel viaggiare vedo molte cose. E’ stata una intuizione, una scommessa, creare una mia linea di occhiali dal carattere deciso, convinto che in questo momento ci fosse spazio per un prodotto così fortemente connotato. La scelta dei materiali, le forme voluminose e particolari come quella del sopracciglio che conferisce uno sguardo quasi diabolico, di grande impatto, le lavorazioni artigianali rigorosamente Made in Italy, tutto insomma è pensato per restituire un prodotto dalla forte identità.”

Altissima qualità, lavorazioni tutte italiane e tecnologia all’avanguardia come l’applicazione delle lenti Zeiss, incontrano il tema dell’arte che è un po’ il filo conduttore di tutto il progetto. L’ispirazione corre al lavoro di Mimmo Rotella o ai vecchi fumetti la cui carta è incollata sulle montature. E ancora, le suggestioni della pop art si mescolano all’oro e all’argento spruzzati mentre i materiali vengono graffiati e rovinati richiamando alla memoria l’immaginario del mondo dei bikers. Dall’India poi una linea interamente realizzata con il corno di bufalo, perché si tratta di inventare e ibridare attivando superfici neutre fino a dargli una ben chiara e definita personalità.

“Mi piace molto mescolare i materiali, per esempio ora sto lavorando con l’acetato che amo particolarmente perché a differenza della plastica è malleabile. E proprio dalla volontà di sperimentare nasce l’unione di legno e acetato o l’utilizzo anomalo delle caratteristiche briccole veneziane che trattate con la resina si prestano a diventare piccole opere d’arte o materiale d’utilizzo per occhiali e calzature.”

Una visione complessa che in un futuro nemmeno troppo lontano vorrebbe evolversi nella direzione di un total look fatto non solo di accessori ma anche di una piccola collezione di capi di abbigliamento per uomo e per donna. Pochi pezzi, particolari e riconoscibili, in linea con la tensione creativa del brand.

Idee nuove che danno emozione. Note alte, elettricità, stile, per chi, in maniera anticonformista,  intende farsi portavoce di istanze libertarie.

 

articolo